Bios

EGIDIO PERDUCA

EGIDIO PERDUCA

Nato a Novara il 20 giugno 1971, comincia lo studio della musica all’età di otto anni con il pianoforte e la chitarra. Alla fine delle scuole medie e durante le superiori frequenta la classe di chitarra presso il Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria sotto la guida del maestro Guido Margaria, con il quale si diplomerà nel 1994.

Parallelamente, anche nel campo della musica leggera continua lo studio della chitarra elettrica, basso elettrico ed arrangiamento e svolge l’attività di cantante sia proponendo brani originali (semifinalista al concorso “Canzoni di domani”), sia collaborando con band locali. Forma con il fratello Paolo, anch’egli musicista di professione, la band Frequenza Viva con la quale vince il premio come migliori brani ed arrangiamenti al concorso nazionale “Musikadine”, premiati, tra gli altri in giuria, da Maurizio Fabrizio.

Con gli stessi Frequenza Viva accompagna, in alcuni concerti, personaggi di spicco della musica leggera, come Silvia Mezzanotte (cantante dei Matia Bazar) e Ricky Portera (storico chitarrista degli Stadio). Approfondisce anche lo studio del jazz sotto la guida dei chitarristi Fabio Casali e Riccardo Bianchi. Dal 1994 insegna chitarra privatamente e presso numerose scuole della provincia alessandrina e pavese. Inoltre, la passione per l’elettronica e gli studi sulla fisica dei suoni, condotti privatamente, lo portano a creare l’azienda Ars Nova Service, oggi denominata Sonic Factory di registrazione, di cui è tuttora titolare, che offre anche servizi di studio di registrazione, servizi per lo spettacolo in genere (service audio, luci, trasporti, ecc.). Ha curato l’uscita del suo primo CD intitolato “L’esercito dei Liberi” (Etichetta Intersound, edizioni Edizione Straordinaria).

E’ regolarmente iscritto alla S.I.A.E. come autore e compositore.

Collabora stabilmente per gli arrangiamenti e le composizioni con alcuni arrangiatori e compositori come il Maestro Marco Grasso (Fiordaliso, Viola Valentino, varie colonne sonore di cortometraggi e documentari) e con la CMP Italy di Luca Venturi, partner stabile della Warner Music. In particolare per quest’ultimo ha scritto ed arrangiato due brani per la band Sugar Free (“Tu sei tutto per me” e “Inossidabile”), oltre 500.000 copie vendute del loro primo CD “Cleptomanie” e numerosi passaggi sulle emittenti nazionali (Festivalbar, Sanremo 2006, Domenica In, Top of the Pop, ecc.).

Sta attualmente curando in veste di arrangiatore e sound engineer alcune nuove produzioni per CMP Italy e Warner Music nonché il primo disco di Barbara (il singolo “Lacrima” vanta già oltre 100.000 download da I-Tunes), Radio Vintage e Davide di Maggio (autore di Cleptomania per Sugar Free), Viola Valentino. Dal primo Gennaio del 2010 ha fondato una propria etichetta discografica col socio Mauro Isetti, storico bassista della Band Custodie Cautelari, con il quale sta producendo attualmente quattro artisti interamente prodotti in proprio. Con lo stesso Mauro Isetti ha condiviso un progetto sulla musica dei Beatles intitolato “Singing Beatles” prodotto dalla band Custodie Cautelari, nel quale ha diretto L’orchestra Sinfonica di Savona in alcune repliche di questo spettacolo, con la partecipazione di artisti come Eugenio Finardi, Elio delle Storie Tese, Alberto Fortis, Simona Bencini.

MAURO ISETTI

MAURO ISETTI

Mauro Isetti inizia lo studio della musica all’età di 9 anni sotto la guida del maestro Salvatore Ferro già primo flauto dell’orchestra del Carlo Felice di Genova e all’età di 11 anni si iscrive al conservatorio di musica N. Paganini di Genova, al corso di oboe tenuto dal maestro Gian Enrico Cortese.

Parallelamente agli studi musicali “classici” frequenta il liceo Scientifico C.Colombo dove nasce la passione per la musica leggera e per il jazz, decidendo così di iniziare lo studio del basso elettrico. Successivamente al conseguimento della maturità scientifica (1986) ed al diploma in oboe (1990), dopo aver studiato basso con insegnanti genovesi (Ivano Foglino, Bob Callero), Mauro Isetti decide di perfezionare la tecnica dello strumento trasferendosi a Roma e iscrivendosi all’Università della Musica sotto la guida di Massimo Moriconi, Gianfranco Gullotto, Luca Pirozzi, Andrea Avena diplomandosi nell’estate 1994 col massimo dei voti.

Dopo il diploma in oboe, nel 1991, svolge il servizio militare nella banda della Marina di la Spezia dove oltre all’oboe suona anche il sax soprano, alto, tenore, baritono, percussioni e, appunto, il basso elettrico. Nel 1992 entra a far parte di un’orchestra da ballo i “Sigma” dove svolge, in qualità di bassista, un’intensa attività in locali da ballo e sagre estive.

Nell’ottobre 1993 fonda la band Custodie Cautelari di cui tutt’ora, nel ruolo di bassista, fa parte e con la quale nel corso di questi diciassette anni vanta più di 1500 concerti nei molteplici spettacoli ideati e prodotti dalla stessa band.

Nel 1994 diventa insegnante di Basso elettrico all’Accademia musicale di Savona Ferrato-Cilea, ruolo che ricopre fino al 2008, rivestendo anche il ruolo di direttore artistico della sezione musica leggera. Tramite la suddetta accademia, tiene corsi di basso elettrico nelle scuole medie superiori per un progetto della Provincia di Savona e un vero e proprio corso di basso elettrico al Liceo classico Gabriello Chiabrera. Nello stesso anno (1994) insegna anche alla Roland School di Genova ed in altre piccole scuole locali.

Nel 1994 inizia anche la collaborazione con Ricky Portera, storico chitarrista di Lucio Dalla e degli Stadio.

Nel 1995 suona a Imola con Robbie Krieger, chitarrista dei Doors.

Nel 1996 inizia la collaborazione con Maurizio Solieri, storico chitarrista di Vasco Rossi e nel medesimo anno esce il primo disco delle Custodie Cautelari dal titolo “Lune”.

Nel 2000 ha luogo la prima dello spettacolo “La Notte delle Chitarre”, una produzione Custodie Cautelari che vede come protagonisti, insieme alla band, i più rappresentativi chitarristi italiani. Lo spettacolo, che quest’anno ha compiuto il suo decimo compleanno, ha visto come interpreti: Maurizio Solieri (Vasco Rossi), Ricky Portera (Lucio Dalla, Stadio), Alberto Radius (Lucio Battisti, Formula 3) Federico Poggipollini e Max Cottafavi (Luciano Ligabue), Cesareo (Elio e le Storie Tese), Mario Schilirò (Zucchero, Patty Pravo), Luigi Schiavone (Enrico Ruggeri), Luca Colombo (Rai, Mediaset, Eros Ramazzotti), Gogo Ghidelli (Mina,Raf), Giuseppe Scarpato (Edoardo Bennato),Fabrizio Consoli (Eugenio Finardi), Chris Maramotti (Piero Pelù).

Nel 2003 esce il primo disco della Notte delle Chitarre che ha come protagonisti, oltre ai chitarristi, le voci di Franco Battiato, Eugenio Finardi, Francesco Renga, Gianluca Grignani, Elio delle Storie Tese e Franz di Cioccio.

Dal 2003 le Custodie Cautelari si esibiscono in una lunga serie di spettacoli, prodotti dalla stessa band, con importanti nomi della musica italiana. Trattasi in particolare dei concerti di:

-       Eugenio Finardi, dal 2003 al 2010, ad eccezione del 2006 e 2007 in cui le Custodie Cautelari sono state la band ufficiale dei tour di Finardi;

-       Neffa, dal 2004 al 2009;

-       Enrico Ruggeri, dal 2004 al 2008;

-       Irene Grandi, dal 2004 al 2006, ad eccezione dell’Indelebile Tour Club in cui le Custodie Cautelari sono state la band ufficiale di Irene Grandi;

-       Alex Britti, estate 2009;

-       Gianluca Grignani, dal 2003 al 2004;

-       Elio e Cesareo, dal 2004 al 2008, con repertorio di Elio e le Storie Tese;

-       Alberto Fortis, dal 2006 al 2009;

-       Andrea Mingardi, 2009;

-       Max Gazzè, concerto del19 marzo 2005 a Savona;

-       Franco Califano, concerto del 18 Luglio 2009 a Papiano di Marsciano (PG);

-       Niccolò Fabi, concerto del 25 agosto 2009 ad Arenzano (GE);

-       Noemi, concerto del 15 Dicembre 2009 a San Prospero (MO).

Un’altra importante produzione delle Custodie Cautelari è stato il tour teatrale di “Singing Beatles”, un tributo al quartetto di Liverpool con la partecipazione di Finardi, Fortis, Ruggeri, Elio, Solieri, Simona Bencini, Andrea Mirò e l’Orchestra Sinfonica di Savona. In questa circostanza  Mauro Isetti ha avuto il ruolo non solo di bassista ma anche di direttore artistico ed arrangiatore.

Da ricordare anche la partecipazione con l’Orchestra Sinfonica di Savona al concerto di capodanno 2005 e ad uno spettacolo su Gershwin del 21 Giugno 2007.

In campo discografico si ricordano:

-       nove dischi con Custodie Cautelari ed in particolare “L’incoscienza” con la partecipazione di Irene Grandi, Neffa, Elio, Eugenio Finardi (2005) e “29 Settembre 2005 grazie Lucio” con la partecipazione di Alberto Fortis, Luisa Corna, Simona Bencini, Mario Lavezzi e Dolcenera (2005);

-       due dischi della “Notte delle chitarre” (2003 e 2010);

-       il primo disco di Dennis Fantina “Io credo in te” (2005), primo vincitore della trasmissione televisiva Amici;

-       i due dischi di Neffa “Alla fine della notte” (2006) e “Sognando contromano” (2009);

-       “I Tacchi di giada” di Viola Valentino (2009).

-       “All in” di Enrico Ruggeri (2009);

-       “C’eravamo tanto odiati” di J-Ax e Neffa (2010).

Dal 2005 è endorser Shecter e Rotosound.

Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • Google Buzz
  • MySpace
  • Live
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • Orkut
  • FriendFeed
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • del.icio.us
  • Technorati
  • Tumblr
  • RSS